No War Factory è un’azienda di gioielli etici realizzati in Laos utilizzando l’alluminio riciclato dalle bombe della guerra del Vietnam per poi essere rifiniti in Italia

no war factory jewels dropped to killLa prima cosa che mi ha colpito è il motto di No War Factory, la frase che presenta questa azienda della quale sto per raccontarvi: ‘Dropped to Kill, Recycled to Help‘. Tradotto letteralmente ‘Lasciato cadere per uccidere, riciclato per aiutare’.

I gioielli di No War Factory sono realizzati infatti in Laos da artigiani del posto in alluminio riciclato da ordigni bellici risalenti alla guerra del Vietnam. Gli artigiani del Laos creano questi oggetti con una tecnica chiamata ‘a staffa’, ovvero per mezzo di semplici stampi in argilla dentro ai quali viene colato l’alluminio fuso.

I pezzi ottenuti da questa lavorazione grezza vengono poi importati in Italia, dove vengono modificati e impreziositi grazie alla preziosa collaborazione di una bravissima orafa artigiana.

Gli ideatori e il motore di No War Factory rispondono ai nomi di Massimo Moriconi e Serena Bacherotti, coniugi di Viareggio che da molti anni collaborano con diverse associazioni di volontariato che operano anche per lo sviluppo di progetti umanitari in Laos, principalmente per la distribuzione di filtri in ceramica, indispensabili per rendere potabile l’acqua.

Nel 2017 riescono a distribuire ben 69 filtri alle famiglie del villaggio di Ban Naphia, i cui abitanti da anni realizzano utensili e gioielli con l’alluminio ricavato da ordigni bellici. Tutto cio’ avviene in sicurezza soltanto dopo che le zone sono state bonificate dall‘associazione MAG che si occupa di sminamento e di rimozione di ordigni inesplosi.

Cosi’ Massimo e Serena acquistano i manufatti dagli artigiano laotiani aiutandoli a migliorare la loro vita e contribuendo allo sviluppo economico dei loro villaggi.

E’ poi in Italia che avviene la trasformazione in veri e propri gioielli, che vengono rifiniti e impreziositi con pietre e argento. Nascono cosi’ dei pezzi unici, collane, pendenti, bracciali anelli e altro ancora, gioielli dal forte impatto non solo per la loro bellezza ma per il loro profondo significato e per il chiaro e bellissimo messaggio di pace insito in loro.

Da segnalare che il 10% netto dei profitti derivanti dalla vendita dei prodotti No War Factory, viene donato in parte alla suddetta associazione MAG, e in parte all’associazione ‘Adopt a Village in Laos’ per l’acquisto dei filtri per rendere l’acqua potabile.

Complimenti di vero cuore a queste splendide persone che hanno saputo tirare fuori la bellezza da oggetti pensati per uccidere.

no war factory jewels bombs

Per scoprire tutti i bellissimi gioielli e molto altro ancora potete visitare il loro sito: https://www.nowarfactory.com.