Quando nascono le slot machine? Perché spesso troviamo i simboli della frutta?

Le slot machine sono uno dei giochi da casinò più amati e, soprattutto, più noti. La loro nascita va ricondotta agli Stati Uniti, all’epoca degli ultimi colpi di coda del Far West, e già solo questo è in grado di motivare buona parte del fascino che ancora oggi, nonostante gli anni trascorsi, sono in grado di riscuotere. Si può considerare ulteriormente come l’idea di allineare un numero variabile di simboli uguali al fine di vincere un premio sia un’impareggiabile rappresentazione della casualità, prestandosi perfettamente al meccanismo che verrà reso noto in tutto il mondo proprio dalle slot machine. Il gioco è talmente immediato, e di tale facile padronanza, che in pochi si concedono qualche secondo per chiedersi da dove derivino i simboli che scorrono sui rulli a ogni giocata. In effetti i simboli in questione sono ben noti a tutti, a prescindere dall’avere o meno un’effettiva esperienza con le slot machine; eppure, in pochi saprebbero dire perché ci si orientò su determinate icone. Perché sui rulli vennero impresse immagini rappresentanti frutti, campane, semi di carte o numeri particolari?  Cosa ha determinato la scelta di un simbolo a scapito di un altro? Spesso è proprio dal passato del gioco che vengono le risposte.

slot machine skyline Las Vegas

È per esempio il caso dei semi francesi delle carte da gioco, simboli che ormai sono molto rari da trovare sulle slot machine moderne. La loro comparsa è diretta conseguenza dei primissimi modelli di macchine, risalenti alla seconda metà dell’800. In quegli anni, nei locali di ritrovo degli Stati Uniti cominciavano a comparire le antenate delle slot machine: si trattava di semplicissime cabine i cui rulli venivano messi in movimento da un braccio meccanico. I simboli riportati erano i semi delle carte perché, semplicemente, si voleva dare al giocatore l’idea di star giocando a una versione “automatica” di uno dei giochi di carte più diffusi all’epoca: il poker. La combinazione vincente era infatti data dalle combinazioni di semi possibili, in maniera per quanto possibile simile al poker.

Più nota, invece, la storia che ha portato l’immagine di una campana a comparire sulle macchine: non si tratta infatti di una campana qualunque, ma della Liberty Bell, la campana associata alla rivoluzione americana. Il primo grande inventore di slot machine, l’immigrato tedesco Charles Fey, pensò di utilizzare la Liberty Bell come simbolo sui rulli delle sue macchine in maniera da renderle più note e, in un certo senso, patriottiche. Considerando gli esiti, fu senz’altro una buona idea.

slot machine skyline Las Vegas

E cosa ha portato invece alla diffusione del numero 7? Compare spesso anche nelle slot online, sebbene siano fra le tipologie con simboli più legati alle ambientazioni di volta in volta prescelte a scapito della simbologia tradizionale. In realtà, in maniera simile al ferro di cavallo, il numero 7 era associato alla buona sorte e, pertanto, fu del tutto logico includerlo come simbolo benaugurale che, alla comparsa, garantiva una vittoria. Un’usanza che ancora oggi manifesta le sue conseguenza, sebbene in maniera ai più ignota.

Una delle curiosità più interessanti, infine, è legata al motivo per il quale molte slot machine presentano simboli di frutti, tanto che in molti paesi di lingua anglosassone sono ancora oggi colloquialmente chiamate fruit machine. Per agevolare la diffusione della slot machine in tutte le zone degli Stati Uniti, all’epoca ancora in espansione territoriale, si scelse di prevedere come premio caramelle o gomme da masticare alla frutta. Nei rulli, pertanto, cominciarono a fare la loro comparsa simboli di frutti, ad anticipare ciò che la combinazione vincente avrebbe comportato come premio. Immediatamente connesso, invece, parrebbe essere il simbolo BAR, ancora oggi presente in varie declinazioni nella maggior parte delle slot machine. Sebbene a lungo si sia pensato che fosse collegato al locale che ospitava la macchina, in genere per l’appunto un bar, e potesse dar diritto a una consumazione, è molto più realistico che invece il simbolo fosse a sua volta collegato alla frutta. Infatti l’immagine, vale a dire la scritta bar colorata racchiusa in una forma rettangolare, probabilmente rappresentava il logo della Bell-Fruit Gum Company, una fabbrica di gomme da masticare con sede a Chicago e che, verosimilmente, forniva i premi delle macchine in questione.