AltaRoma EleniaAltaRoma è l’evento che sintetizza il meglio della moda romana. L’evento quest’anno si è spostato all’ex Dogana Ferroviaria di San Lorenzo, una location che mette in contrasto l’archeologia industriale con l’eleganza della kermesse.

La mia prima volta ad AltaRoma è stata un’esperienza interessante ed emozionante.

Mi sono trovata immersa in un mondo elegante e sofisticato, circondata da originalità reale e originalità a tutti i costi, da cappelli improbabili ma anche da grande stile e raffinatezza.

Hanno presentato le proprie collezioni stilisti del calibro di Curiel Couture, Sabrina Persechino, Renato Balestra, Anton Giulio Grande, Antonella Rossi, Giada Curti, Jehsel Lau, Luigi Borbone, Nino Lettieri, NN Couture e Rani Zahkem.

Ho avuto l’onore di partecipare alla sfilata di Sabrina Persechino la cui collezione di quest’anno si chiama Aracne ed è ispirata alle architetture di Eric Owen Moss, un architetto che, quando progetta, fa e disfa allo stesso tempo e le sue strutture appaiono come ragnatele.

Di seguito i principali edifici ai quali si è ispirata Sabrina Persichino.

Sabrina Persechino, per chi non la conoscesse, è un architetto prima ancora di essere una stilista e sperimenta da sempre nelle sue crazioni nuovi tagli, nuovi tessuti e passatemi il termine, nuove architetture’.

1_S.Persechino_0001-681x1024

 

In questa collezione, tra i tessuti utilizzati prevalgono le sete ordite a telaio oltre che duchesse, cady, e crepon.

I colori utilizzati sono ispirati alle architetture di Moss a cui la collezione si ispira: bianco, nero, toni del cobalto.

L’abito a sinistra secondo me è meraviglioso ed è uno di quelli che interpreta in maniera esemplare l’idea della ragnatela casuale e della  concezione del disfare gli abiti come Moss disfa gli edifici.

 

 

Ho trovato molto interessante il dietro le quinte 😉

La passerella di specchi coperta fino all’ultimo secondo per essere splendida splendente all’incedere delle modelle, l’adrenalina dell’attesa, la ricerca di volti noti del mondo dello spettacolo, la caccia al selfie migliore (mi ci metto anch’io che mi sono messa a fare la fanatica con selfie e foto in passerella 😉 ) fino al momento in cui si spengono le luci! Silenzio….inizia la sfilata, si viene catapultati in un sogno, rapiti dall’incedere delle modelle 😯

La sfilata di Sabrina Persechino si divide in due parti, nella prima sfila la linea Cruise, abiti da crociera leggeri e colorati dalle linee morbide ma sofisticate.

Nella seconda parte la musica diventa più solenne e le modelle rallentano l’andatura per presentare la collezione Aracne in tutta la sua bellezza.

Sabrina Persechino sfilata AltaRoma

Anche la passerella riprende l’idea della ragnatela, è infatti costituita da ritagli di specchio che sembrano proprio una ragnatela irregolare.

Non può mancare un riferimento alla dea Aracne, giovane tessitrice trasformata in ragno da Atena (la dea greca che aveva insegnato agli esseri umani la tessitura e tutte le arti), e pertanto al peplo, abito tipico delle regioni elleniche.

In analogia al ragno, filatore virtuoso, così, le stoffe tessono gli abiti della collezione Primavera Estate 2016 di Sabrina Persichino.

 

I colori sono argentei e lunari, come ragnatele bagnate dalla brina mattutina, oppure ferrosi e incisivi come gli intarsi di Moss sugli edifici.

La sfilata si conclude tra gli applausi del numerosissimo pubblico, torno alla realtà e non vedo l’ora che inizi un’altra sfilata 🙂

                                                                                                                        Elenia

Le foto dei vestiti in passerella sono di Salvatore Dragone, Gianluca Palma e Luca Sorrentino.